Famiglie autistiche resilienti

L’importanza del supporto psicologico per l’inclusione in una comunità compartecipe, presente e informata

  • Maria Licata SiPGI - Postgraduate School of Integrated Gestalt Psychotherapy, Trapani, Italy
  • Patrizia Fortezza SiPGI - Postgraduate School of Integrated Gestalt Psychotherapy, Trapani, Italy
  • Serafina Sportaro Ricercatrice Indipendente

Abstract

 La relazione di supporto psicologico interviene nell’influenzare la capacità genitoriale, sul modo in cui i genitori giudicano e valutano l’evento disabilità e le situazioni a esso connesse. Infatti il supporto è correlato alla percezione che i genitori hanno dei limiti dei loro figli, delle limitazioni sociali e dei problemi di comportamento. L’obiettivo è valorizzare i vissuti delle famiglie stesse a partire da una rivalutazione del valore delle loro narrazioni al fine di coinvolgere le famiglie in un processo di consapevolezza. L’ipotesi che ha guidato questo lavoro è il credere che l’aiuto alle famiglie sia indispensabile per consentire ai ragazzi con autismo un futuro in cui loro siano concretamente protagonisti della loro vita e partecipi alla vita sociale. Sono stati previsti prima tre incontri individuali e successivamente di gruppo. Il modello utilizzato è quello gestaltico integrato, in particolare si è focalizzata l’attenzione sul ciclo di contatto e ai meccanismi di interruzione del suo fluire, con lo scopo di coinvolgerle concretamente dall’inizio alla fine dei processi. Il lavoro ha evidenziato che è possibile ridurre le fonti di stress, affinare le capacità di valutazione e di coping, rinforzare la rete di supporti sociali extrafamiliari, migliorare le relazioni all’interno della famiglia, migliorare i rapporti fra genitori e professionisti. L’aspetto innovativo è aver posto un’attenzione particolare ai genitori all’interno della teoria del campo.

Parole chiave: famiglia, autismo, gestalt

Riferimenti bibliografici

Casula, C. (2011). La forza della vulnerabilità. Utilizzare la resilienza per superare le avversità. Ed. Franco Angeli.

Bowen, M., Andolfi, M., & De Nichilo, M. (1979). Dalla famiglia all'individuo: la differenziazione del sé nel sistema familiare. Astrolabio.

Demeyer, D. I., Vandekerckhove, P., & Moermans, R. (1979). Compounds determining pH in dry sausage. Meat science, 3(3), 161-167.

Konstantareas, M. M. (1990). A psychoeducational model for working with families of autistic children. Journal of Marital and Family Therapy, 16(1), 59-70.

Spagnuolo Lobb, M. (2015). Il sé e il campo in psicoterapia della Gestalt, 5-8.

Ginger, S., & Ginger, A. (2004). La Gestalt. Terapia del «con-tatto» emotivo. Edizioni Mediterranee.

Polster, E., & Polster, M. (1986). Terapia della Gestalt integrata: Profili di teoria e pratica. Giuffrè.

Oaklander, V. (1999). Il gioco che guarisce: la psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti. EPC

Perls, F., Hefferline, R. F., & Goodman, P. (1971). Teoria e pratica della terapia della Gestalt. Astrolabio.

Haber, M. G., Cohen, J. L., Lucas, T., & Baltes, B. B. (2007). The relationship between self-reported received and perceived social support: A meta-analytic review. American journal of community psychology, 39(1), 133-144.

Halstead, E. J., Griffith, G. M., & Hastings, R. P. (2018). Social support, coping, and positive perceptions as potential protective factors for the well-being of mothers of children with intellectual and developmental disabilities. International Journal of Developmental Disabilities, 64(4-5), 288-296.

Pubblicato
2021-09-16
Come citare
Licata, M., Fortezza, P., & Sportaro, S. (2021). Famiglie autistiche resilienti. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 3(2), 53 - 59. https://doi.org/10.32069/PJ.2021.2.139
Sezione
Ipotesi e metodi di studio