Tecnologie multimediali ed effetti negativi nella comunicazione di reciprocità adulto - bambino

Autori

  • Patrizia Marone SiPGI - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Gestaltica Integrata, Torre Annunziata, Napoli, Italia

DOI:

https://doi.org/10.32069/pj.2019.1.19

Abstract

ABSTRACT

The work highlights, through a review of the literature, the negative effects of the use of multimedia technologies in the first years of life. in particular, it emerges that the use of multimedia technologies (smartphones, tablets, tV)  during the caregiver-child interaction, either by the caregiver or by the child, interrupts the function of relational mirroring, compromising the face to face interaction and, therefore, the acquisition of emotional self-regulation. the face-to-face communication between adult and child co-adjusts, moment by moment, the dialogue of emotional expressions moving from synchronic states in which both share the same expressions, to asynchronous states in which one distracts attention
from the other. in the dyad, face to face, the child can repair this dysregulation and thus develop the expectation that intense emotional experiences of interruption in contact are not disorganizing and can be effectively addressed thanks to modulation and containment of the adult. this does not happen if the adult-child tonic dialogue is interrupted by the use of smartphones, tablets, tV because the interruption causes an incongruous communication in which the child loses his face to confront to give meaning to reality by developing a negative representation of events in which there are no longer any repair expectations. the positive correlation between disorders in the developmental age and early
and continuous exposure to television and digital media found in recent years has led me and other researchers to an intense and continuous bibliographic update in this regard and to the construction of an easy-to-use tool: the questionnaire r.c.r (relational communication risk) that monitors and clarifies the amount of time dedicated to Digital Media individually and / or together with the parent, through a quantitative score that highlights the risk * relational communication.
However, the comparison with a control group, made up of “normotypical” children and parents, is of fundamental importance: ongoing research work.

Keywords: Digital media, mutual social communication, neuro development.

 

ABSTRACT IN ITALIANO

Il lavoro evidenzia, attraverso una revisione della letteratura, gli effetti negativi dell'utilizzo di tecnologie multimediali nei primi anni di vita. In particolare, emerge che l'uso di tecnologie multimediali (smartphone, tablet, tv...) durante l'interazione caregiver - bambino, o da parte del caregiver o da parte del bambino, interrompe la funzione di rispecchiamento relazionale compromettendo l'interazione faccia a faccia e, dunque, l'acquisizione dell’autoregolazione emotiva. La comunicazione faccia a faccia tra adulto e bambino co - regola, momento per momento, il dialogo delle espressioni emotive passando da stati sincronici in cui entrambi condividono le stesse espressioni, a stati asincronici in cui uno distoglie l'attenzione dall'altro. Nella diade ,faccia a faccia, il bambino può riparare questa disregolazione e sviluppare così l'aspettativa che esperienze emotive intense di interruzione nel contatto non sono disorganizzanti e possono essere efficacemente affrontate grazie alla modulazione e al contenimento dell'adulto. Ciò non avviene se il dialogo tonico adulto – bambino viene interrotto dall'uso di smartphone, tablet e/o tv poiché l'interruzione causa una comunicazione incongrua in cui il bambino perde il volto con cui confrontarsi per dare significato alla realtà, sviluppando una rappresentazione negativa degli eventi in cui non ci sono più le aspettative di riparazione.

Parole chiave: Digital media, comunicazione sociale reciproca, neuro sviluppo.

Downloads

Pubblicato

15.06.2019

Come citare

Marone, P. (2019). Tecnologie multimediali ed effetti negativi nella comunicazione di reciprocità adulto - bambino. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 1(1), 54–67. https://doi.org/10.32069/pj.2019.1.19