V. 4 N. 2 (2022): Luglio - Dicembre 2022
Terapia integrata

Un' applicazione dell’approccio pluralistico integrato nei Disturbi Alimentari: il trattamento di gruppo breve, intensivo, blended.

Pubblicato 05.12.2022 — Aggiornato il 05.12.2022

Versioni

Parole chiave

  • Disturbi Alimentari, Trattamento Integrato, Intervento Blended, Intervento Multidisciplinare, Trattamento individuale e di gruppo

Come citare

Iannazzo, A., & Spalletta, E. (2022). Un’ applicazione dell’approccio pluralistico integrato nei Disturbi Alimentari: il trattamento di gruppo breve, intensivo, blended. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 4(2), 166–190. https://doi.org/10.32069/PJ.2021.2.169

Abstract

Il lavoro presentato propone un esempio di trattamento pluralistico integrato con persone che soffrono di Disturbi Alimentari, declinato come segue: breve, intensivo, multidisciplinare, di gruppo, blended. Parte dalla considerazione delle caratteristiche transdiagnostiche dei DA, individuando fattori generali e specifici, su cui l’intervento si focalizza per procedere alla sua realizzazione, per arrivare a costruire un piano di trattamento ambulatoriale di gruppo in 38 settimane (40 comprendendo due follow up). Il lavoro implica: la selezione dei pazienti che possono usufruire del setting gruppale con le caratteristiche proposte dal trattamento; la focalizzazione di cicli di laboratori esperienziali sulla psico-educazione cre-attiva, sul recupero di un sano rapporto con il cibo, il peso, il corpo, sulla regolazione delle relazioni interpersonali e l’individuazione della propria identità corporea. Il lavoro intensivo viene svolto in presenza e online. L’obiettivo è quello di poter offrire all’utenza un servizio efficace, con costi contenuti e una frequenza compatibile con lo svolgimento delle normali attività quotidiane. Il trattamento è, inoltre, integrabile in percorsi individuali e/o a lungo termine.

Riferimenti bibliografici

  1. ISS (2022). Giornata mondiale del fiocchetto lilla. Disturbi Alimentari, i dati aggiornati e la mappa dei servizi accreditati in Italia. [Online]. Available: https://amblav.it/disturbi-alimentari-i-dati-aggiornati-delliss-e-la-mappa-dei-servizi-accreditati-in-italia/. [Consultato il 01 agosto 2022].
  2. American Psychiatric Association (2014). DSM 5 - Manuale diagnostico e statistico dei disturbi di personalità (5th. ed.). Milano: Cortina (ed. or. 2013).
  3. Riva, E. (2022). Fragili amazzoni. I nuovi disturbi alimentari delle adolescenti. Milano: Angeli.
  4. Santonastaso, P., Nassuato, M. (2016). Cambiamenti dei criteri diagnostici del DSM-5. In A.M. Ferro, G. Giusto (a cura di), Cibo e corpo negati, pp. 40-49. Milano, Mondadori.
  5. Fairburn, C.G., Bohn, K. (2005, June). Eating Disordes NOS (EDNOS): an example of the troublesome ‘not otherwise specified (NOS) category in DSM IV. Behaviour Reserarch and Therapy, 43 (6), 691-701.
  6. Dalla Ragione, L., Marucci, S. (2007). L'anima ha bisogno di un luogo - Disturbi alimentari e ricerca dell'identità. Milano: Tecniche Nuove.
  7. Costa, E., Loriedo, C. (2007). Disturbi della condotta alimentare. Diagnosi e terapia. Milano: Angeli.
  8. Rossi, S. (2020). Psicoterapie della gestalt. Milano: Angeli.
  9. Fonagy, P., Roth, A. (1996). Psicoterapie e prove di efficacia. Quale terapia per quale paziente. Roma: Il Pensiero Scientifico.
  10. Butler, A.C., Chapman, J.E., Forman, E.M., Beck, A.T. (2006). The empirical status of cognitive-behavioral therapy: A review of meta-analyses. Clinical Psychology Review, 26(1), 17-31.
  11. Beker, A. (2003). Outpatient managment of eating disorders in adults. Current Womans Health Report, 3(3), 221-9.
  12. Riess, H., Dockray-Miller M. (2002). Integrative group treatment for bulimia nervosa. New York: Columbia University Press.
  13. Agras, W.S. (1993). Short-term treatments for Binge-Eating. In G. Fairburn, G.T. Wilson (a cura di). Binge Eating. Nature, Assessment and Treatment. New York – London: The Guilford Press, pp. 270-286.
  14. Mitchell, J.E., Hatsukami, D. (1985). Intensive outpatient group therapy for bulimia. In D.M Garner, P.E. Garfinkel (a cura di), Handbook of Psychotherapy for Anorexia Nervosa and Bulimia, pp. 213 - 240. New York - London: The Guilford Press.
  15. Safer, D.L., Adler S., Masson, P.C. (2019). L’alimentazione emotiva. La soluzione DBT per rompere il cerchio delle abbuffate. Milano: Cortina.
  16. Santoni Rugiu, A., Calò, P., De Giacomo, P. (2003). Anoressia e bulimia: la svolta. Angeli: Milano.
  17. Dalle Grave, R. (2003). Prima di cominciare. Informazioni sul trattamento ambulatoriale dei disturbi dell’alimentazione. Verona: Positive press.
  18. Dalle Grave, R. (2000). Perdere peso senza perdere la testa. Verona: Positive Press.
  19. Dalle Grave, R. (1998). Alle mie pazienti dico che…Informazione e auto-aiuto per superare i disturbi alimentari. Verona: PositivePress.
  20. Fairburn, C. (1997). Come vincere le abbuffate. Verona: Positive Press.
  21. Dalla Ragione, L., Pampanelli, S. (a cura di) (2016). Prigionieri del cibo. Riconoscere e curare il disturbo da alimentazione incontrollata. Roma: Il pensiero Scientifico.
  22. Safer, D., Telch, C., Chen, E. (2011). Binge Eating e bulimia. Trattamento dialettico-comportamentale. Milano: Cortina.
  23. Vinai, P., Todisco, P. (2007). Quando le emozioni diventano cibo. Milano: Cortina.
  24. Giusti, E., Menici, F. (2016). Trattamento dell’Immagine Corporea. Roma: Sovera.
  25. Ferro, A.M., (a cura di) (2016). Cibo e Corpo negati, Milano: Mondadori.
  26. Dalla Ragione, L., Mencarelli, S. (2012). L’inganno dello specchio. Immagine corporea e disturbi del comportamento alimentare in adolescenza. Milano: Angeli.
  27. Cash, T.F. , Enry, P.E. (1995). Women’s body images: The results of national survey in the U.S.A. Sex roles, 33, 19-28.
  28. Bisagni, E., Facci, M. (2020). Pro-ana. Tra supporto online e psicopatologia: nuove sfide terapeutiche. Trento: Reverdito.
  29. Iannazzo, A., Leoni, F., Ciufo P. (2021). Psicoterapia online. Come realizzare interventi efficaci a distanza. Roma: Carocci.
  30. Giusti, E. (2001), Presentazione. In J. Preston, Psicoterapia Breve Integrata. Approccio cognitivo, psicodinamico, umanistico e neurocomportamentale. Roma: Sovera.
  31. Preston, J. (2001). Psicoterapia Breve Integrata. Approccio cognitivo, psicodinamico, umanistico e neurocompartamentale. Roma: Sovera.
  32. Gabbard, G.O. (1994). Psychodynamic psychiatry in clinical practice: The DSM-IV edition (2nd edition). American Journal of Clinical Hypnosis, 42(3-4), 323-326
  33. Tuschen, B., Bent, H. (1995). Intensive brief impatient treatment of bulimia nervosa. In K.D. Bronwell, G.C. Fairburn (a cura di), Eating disorders and obesity: a comprehensive handbook. New York: The Guilford Press.
  34. Fairburn, C. (2017). Short-term Psychological treatments for Bulimia Nervosa. In D. Kelly, B. Brownell, T. Walsh (a cura di). Eating Disorders and Obesity. A Comprehnsive Handbook. New York - London: The Guilford Press.
  35. Fernandez, F., Sanchez, I. (1998). Psychoeducative ambulatory group in bulimia nervosa. Evaluation of a short-term approach. Actas Luso Espagnol De Neurologias, Psichiatrisa e Ciences Affines, 26(1) 23-28.
  36. Riess, H. (2002). Integrative time-limited group therapy for bulimia nervosa. International Journal of group Psychoterapy, 52(1), 1-26.
  37. Garner, D. (2008). Eating Disorders Inventory EDI 3. Firenze: Giunti OS.
  38. Cuzzolaro, M., Vetrone, G., Marano, G., Battacchi, M. (1999). Body Uneasiness Test – BUT. Una nuova scala per la valutazione del disagio relativo all’immagine del corpo. Psichiatria, Infanzia, Adolescenza, 66(417).
  39. Treasure, J., Schmidt, U. (2001). Ready, Willing and Able to Change: Motivational Aspects of the Assessment and Treatment of Eating Disorders. European Eating Disordes Review, 9, 4-18.
  40. Tingey, R., Burlingame, G., Lambert, M.J., Barlow, S.H. (1989). Assessing clinical significance: extensions and applications. Wintergreen (VA): SPR.
  41. Butcher, J., Graham, J., Ben-Porath, Y., Tellegen, A., Dahlstrom, W., Kaemmer, B. (2011). Minnesota Multiphasic Personality Inventory - MMPI2. Firenze: Giunti OS (ad.to it. Sirigatti, S., Pancheri, P.).
  42. Barbaranelli, C., Pacifico, M., Rapanà, L., Rosa, V., Giannini, L., Giusti, E. (2018). DPA - Dimensional Personality Assessment. An Integrated Approach According DSM-5. Firenze: Giunti Psychometrics.
  43. Ventre, L. (2021). Anoressia Nervosa: un possibile percorso di guarigione: Analisi Transazionale e Gestalt Terapia. Roma: Armando.
  44. Scrosati-Crespi, L. (1994). L’esperienza dell’A.B.A.: I gruppi psicoterapici. Patologie da alimentazione e nutrizione, pp. 197-203. Roma.
  45. Narcotici Anonimi (1997). Testo Base. Narcotics Anonymus World Service INC. Chatsworth, California.
  46. Spalletta, E., Florimonte, M.L. (2008). Il trattamento di gruppo della bulimia: un’applicazione breve dell’approccio pluralistico integrato. Integrazione nelle Psicoterapie e nel Counseling, 23/24, 28-42. Roma: Edizioni Scientifiche ASPIC.
  47. Kapp, K.M., Defelice, R.A. (2019). Microlearning: Short and Sweet. Association for Talent and Development (ATD): Alexandria, VA
  48. Olmsted, M.P., Kaplan A.S. (1995). Psychoeducation in treatment of eating disorders. In K.D. Brownell, G. Faiburn (a cura di.), Eating Disorders and Obesity. A Comprehensive Handbook, pp. 289 - 293. New York - London: The Guilford Press.
  49. Davis, P., Olmested, M.P., Rockert, W. (1990). Brief group psychoeducation for bulimia nervosa: assessing significance of change. Journal of Clinical Psychology, 58(6), 882-5.
  50. Davis, R., Olmsted, M., (1991). Group Psychoeducation for bulimia nervosa: with and without additional psychoterapy process sessions. International Journal of Eating Disorders, 22(1), 25-34.
  51. Thiels, C., Schmindt, U., Garthe, R. (2003). Four-years follow-up of guided self-change for bulimia nervosa. Eating and Weight Disorders, 8(3), 212-7.
  52. Olmsted, M.P., Davis, R., Eagle, M., Graner, D.M. (1991). Efficacy of a brief psychoeducational intervention for bulimia nervosa. Behaviour Research and Therapy, 29, 71-83.
  53. Pierotti, F., Marucci, S. (2016). La scrittura autobiografica come terapia. In S. Marucci, L. Dalla Ragione (a cura di), L’anima ha bisogno di un luogo. Milano: Tecniche Nuove.
  54. Demetrio, D. (2008). La scrittura clinica. Consulenza autobiografica e fragilità esistenziali. Milano: Cortina.
  55. Balconi, E., Carolei, C. (2011). L’autobiografia: scrivere di sé per stare bene. Milano: Xenia.
  56. Marucci, S. (2013). Haiku nei Disturbi del Comportamento Alimentare. Cesena: Sì.
  57. Fairburn, C. (2018). La terapia cognitivo comportamentale dei disturbi dell’alimentazione. Trento: Erickson.
  58. Ligorio, M. B., Cacciamani, S., Cesareni, D. (2021). Didattica Blended. Teorie, metodi ed esperienze. Milano: Mondadori.
  59. Iannazzo, A. (a cura di) (2021, novembre). Consulenza e formazione online, Integrazione nelle Psicoterapie, 11. Roma: Aspic.
  60. Ocepek, U., Bosnik, Z., Serbec, I.N., Rugelij, J. (2013). Exploring relation between style models and preferred multimedia types. Computers & Education, 69, 343-355.
  61. Ligorio, M.B., Cacciamani, S., Cesareni, D. (2006). Blended learning - Dalla scuola dell’obbligo alla formazione adulta. Roma: Carocci.
  62. Salmon, G. (2002). E-tivities: a key to active online learning. London: Routledge.
  63. Aronson, E. (1978). The jingsaw classroom. Beverly Hills (CA): Sage Publishing.
  64. Wilson, T. (2004). Acceptance and change in the treatment of eating disorders. In S. Hayes, V. Follette, M. Linehan (a cura di), Mindfulness and acceptance. Expanding the cognitive-behavioral tradition, pp.243-260. New York: Guilford press.
  65. Wilson, G., (1999). Cogntive Therapy for eating disorders: progress and problems. Behaviour Research and Therapy, 37, 579-595.
  66. Segal, Z., Williams, M., Teasdale, J. (2002). Mindfulness-Based Cognitive Therapy fod Depression. New York: Guilford. [Ediz. It. a cura di F. Giommi, (2006). Mindfulness: Al di là del pensiero, attraverso il pensiero, Torino: Bollati Boringhieri].
  67. Morgan, S. (2005). Depression. Turning toward Life. In C. Germer, R. Siegel, P. Fulton (a cura di). Mindfulness and psychotherapy, 130-151. New York: Guilford press.