Phenomena Journal - Giornale Internazionale di Psicopatologia, Neuroscienze e Psicoterapia https://phenomenajournal.marpedizioni.it/index.php/phenomena <p>Phenomena Journal è un&nbsp;giornale&nbsp;semestrale che adotta il sistema double-blind peer-review (revisione in doppio cieco alla pari) ed è rivolto ad esperti nei settori della Psicopatologia, delle Neuroscienze e della Psicoterapia. Il&nbsp;giornale&nbsp;ha l’obiettivo di pubblicare articoli, revisioni, ipotesi metodologiche di studio, articoli di opinione, prodotti da da nomi del panorama nazionale ed internazionale dei settori di interesse della rivista.&nbsp; In aggiunta il&nbsp;giornale&nbsp;ambisce a diffondere la cultura scientifica nei settori non esclusivamente accademici come ad esempio ambiti clinici non specializzati in progetti di ricerca.&nbsp;Il&nbsp;giornale, gestito dal gruppo di ricerca Phenomena, edito da Marp Edizioni, offre supporto editoriale attraverso una modalità disponibile e flessibile per tutti coloro che vogliono avvicinarsi al mondo della Ricerca Scientifica.&nbsp; Gli articoli sono disponibili al sito&nbsp;<a href="http://www.phenomenajournal.it/">www.phenomenajournal.it</a>&nbsp;e sono coperti da licenza Open Access.&nbsp;</p> <p style="text-align: justify;">&nbsp;</p> <p style="text-align: justify;">&nbsp;</p> Marp Edizioni it-IT Phenomena Journal - Giornale Internazionale di Psicopatologia, Neuroscienze e Psicoterapia 2612-6796 <p>https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/deed.it</p> Studio sui NEET https://phenomenajournal.marpedizioni.it/index.php/phenomena/article/view/73 <p>The paper presents the results of qualitative field research about the phenomenon of NEETs - Not (engaged) in Education, Employment or Training - investigated with the constructivist Grounded Theory methodology. The research, which involved 82 young people aged between 18 and 24 years, began in November 2015 and ended with the analysis of data collected in December 2018. In line with the methodological indications of the constructivist Grounded Theory (GT) (Charmaz, 2000, 2006, 2014), field research was immediately accompanied by open coding, using all that was useful for saturation of the categories.<br>The constant critical reflection, conducted throughout the process of my research, has led to detect and define 3 core categories that are fundamental to the definition of a substantive theory. The permanent orientation emerges as a social need because it promotes and increases the psychological well-being of NEETs. The comparison between the “initial” questions of research and the 3 core categories, conceptually valid, allowed me to start the process of focusing and analyzing the possible correlations. Correlations capable of supporting a scientifically strong definition, for the proposal of a substantive theory, emerging from the three initial questions of the research.<br>1. How do you “selfassess” NEETs with respect to the world of work? Psychological area: to understand the characteristics of the NEET individual. How to contribute to its identity awareness about operating (occupying and acting) a role. To train him/her to reflect on his/her own interests, in accordance with his/her own authentic purposeful Self (Di Fabio, 2014).</p> <p>The question aims to understand how:<br>a) to increase the capacity to make choices (Self confidence in decision making);<br>b) to make them feel/perceive that they are ready (Self efficacy and Self capability);<br>c) to raise the skills to manage problems (Self-empowerment and problem solving).<br>2. How do NEETs live their “condition”? Psychosociological area: to investigate the context and environment of NEETs’ life. The answers to this question must allow them to understand what they are, first and foremost:<br>a) the causes to which they attribute their current NEET situation (external/internal);<br>b) the roads they would like to take to move towards work (Self orientation);<br>c) their thoughts and attitudes towards current social policies (active/passive).<br>3. How do you represent the labour market? Sociopsychological area: relationship aspect; ability to stay in relationships. In the answers you want to understand:<br>a) what they thought when they were at school in the world of work (imagination about their own future);<br>b) how their thoughts on the world of work are today compared to those years (alignment to their own reality).<br>c) what knowledge, what information they possess of the working possibilities of their territory (awareness of employment opportunities).</p> <p><strong>Keyword</strong>s: NEETs, Self-empowerment, purposeful Self, Self orientation, resiliency, decision making.</p> <p><strong>Abstract in italiano</strong></p> <p>Il documento presenta i risultati della ricerca sul campo qualitativa sul fenomeno dei NEET - Non (impegnati) nell'istruzione, nell'occupazione o nella formazione - indagati con la metodologia costruttivista della Grounded Theory. La ricerca, che ha coinvolto 82 giovani di età compresa tra 18 e 24 anni, è iniziata a novembre 2015 e si è conclusa con l'analisi dei dati raccolti a dicembre 2018. In linea con le indicazioni metodologiche della Grounded Theory (Charmaz, 2000, 2006, 2014), la ricerca sul campo è stata immediatamente accompagnata da una codifica aperta, utilizzando tutto ciò che è stato utile per la saturazione delle categorie.<br>La costante riflessione critica, condotta durante tutto il processo della mia ricerca, ha portato a rilevare e definire 3 categorie fondamentali che sono fondamentali per la definizione di una teoria sostanziale. L'orientamento permanente emerge come un'esigenza sociale perché promuove e aumenta il benessere psicologico dei NEET. Il confronto tra le domande "iniziali" della ricerca e le 3 categorie fondamentali, concettualmente valide, mi ha permesso di iniziare il processo di focalizzazione e analisi delle possibili correlazioni. Correlazioni in grado di supportare una definizione scientificamente forte, per la proposta di una teoria sostanziale, che emerge dalle tre domande iniziali della ricerca.<br>1. In che modo NEET “selfassess” rispetto al mondo del lavoro? Area psicologica: comprendere le caratteristiche dell'individuo NEET. Come contribuire alla consapevolezza dell'identità sull'operare (occupare e recitare) un ruolo. Formarlo per riflettere sui propri interessi, in accordo con il proprio Sé autentico e propositivo (Di Fabio, 2014).</p> <p>La domanda mira a capire come:<br>a) aumentare la capacità di fare delle scelte (fiducia in se stessi nel processo decisionale);<br>b) farli sentire / percepire di essere pronti (autoefficacia e capacità di auto);<br>c) aumentare le competenze per gestire i problemi (auto-responsabilizzazione e risoluzione dei problemi).<br>2. In che modo i NEET vivono la loro "condizione"? Area psicosociologica: indagare il contesto e l'ambiente della vita dei NEET. Le risposte a questa domanda devono consentire loro di capire cosa sono, innanzitutto:<br>a) le cause alle quali attribuiscono la loro attuale situazione NEET (esterna / interna);<br>b) le strade che vorrebbero percorrere per spostarsi verso il lavoro (orientamento personale);<br>c) i loro pensieri e atteggiamenti nei confronti delle attuali politiche sociali (attivo / passivo).<br>3. Come rappresenti il ​​mercato del lavoro? Area socio-psicologica: aspetto relazionale; capacità di rimanere in relazione. Nelle risposte che vuoi capire:<br>a) cosa hanno pensato quando erano a scuola nel mondo del lavoro (immaginazione per il proprio futuro);<br>b) come sono oggi i loro pensieri sul mondo del lavoro rispetto a quegli anni (allineamento alla propria realtà).<br>c) quali conoscenze, quali informazioni possiedono delle possibilità di lavoro del loro territorio (consapevolezza delle opportunità di lavoro).</p> <p><strong>Parole chiave:&nbsp;</strong>NEETs, orientamento, resilienza, <em>Self efficacy, decision making, Self empowerment, Self orientation.</em></p> Marco Schiavetta ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0 2020-09-03 2020-09-03 2 2 1 24 10.32069/pj.2020.2.73 Un approccio fenomenologico esistenziale e della psicoterapia della Gestalt al lavoro con pazienti che soffrono di attacchi di panico. https://phenomenajournal.marpedizioni.it/index.php/phenomena/article/view/54 <p>The authors propose a phenomenological/existential approach in psychotherapeutic intervention on panic attacks. From the observations in the psychotherapeutic settings emerges the tendency of the patient with a panic attack symptom not to take clear and defined positions in his emotional and professional life, the tendency to say "YES" rather than "NO", even in situations where he is not convinced of his choice. Others do not consider him a credible interlocutor where choices have to be made, but a person who always adapts. He tends to have low self-esteem, does not believe in his abilities and does not express his opinions for fear of being judged and ridiculed. Exploring the experiences of those who suffer from panic attacks opens up the hypothesis that panic attacks, more than as a symptom related to the sphere of anxiety and fear, is a manifestation of existential/relational distress with respect to inadequate anger management. Anger becomes unexpressed and repressed (retroflexion) as a result of the accumulation of dissatisfactions, frustrations and deprivations to which the patient cannot say "no".&nbsp; When the person is in a situation where they feel compelled to do something they don't want to do, and they don't know how to disengage, anxiety intervenes which can increase to the point of developing various symptoms of panic. In this proposed study we will look at the extent to which unexpressed anger can affect panic attacks. The assumption behind the gestalt practice is that a person experiences anger when he or she does not get what he or she wants, or when he or she is in a territorial conflict. Hence the different acts of the person in the manifestation of anger.</p> <p><strong>Keywords:&nbsp;</strong>Psychotherapy, Gestalt, Panic attack, anger, existential-phenomenological approach, contact, territoriality, Neural Networks (NN).</p> <p><strong>Abstract in italiano</strong></p> <p>Gli autori propongono un approccio fenomenologico/esistenziale nell'intervento psicoterapeutico sull'attacco di panico. Dalle osservazioni nei setting psicoterapeutici emerge la tendenza del paziente con sintomo di attacco di panico a non assumere posizioni chiare e definite nella sua vita affettiva e professionale, la tendenza a dire "SÌ" piuttosto che "NO", anche nelle situazioni in cui non è convinto della sua scelta. Dagli altri non viene considerato un interlocutore credibile laddove sia necessario operare scelte, ma una persona che si adatta sempre. Tende ad avere bassa autostima, a non credere nelle sue capacità e non esprime le sue opinioni per paura di essere giudicato e ridicolizzato. Esplorare i vissuti di chi soffre di attacchi di panico apre l’ipotesi secondo la quale l’attacco di panico più che come sintomo legato alla sfera dell’ansia e della paura, è una manifestazione di un disagio esistenziale/relazionale rispetto ad una inadeguata gestione della rabbia. La rabbia diventa inespressa e repressa (retroflessione) in seguito all’accumulo di insoddisfazioni, frustrazioni e deprivazioni a cui il paziente non sa dire “no”.&nbsp; Quando la persona si trova in una situazione in cui si sente costretta a fare qualcosa che non vuole fare, e non sa come disimpegnarsi, interviene l’ansia che può aumentare fino a sviluppare diversi sintomi di panico. In questa proposta di studio si andrà a verificare in che misura la rabbia inespressa può incidere sugli attacchi di panico. L’assunto, alla base della prassi gestaltica, è che una persona prova rabbia quando non ottiene ciò che vuole, oppure quando si trova in un conflitto territoriale. Da qui derivano poi i diversi agiti della persona nella manifestazione della rabbia.</p> <p><strong>Parole Chiave:&nbsp;</strong><span class="tagit-label">Psicoterapia, Gestalt, Attacco di panico, rabbia, approccio fenomenologico – esistenziale, contatto, territorialità, rete neurale (RN).</span></p> Mirko Antoncecchi Paola Chiantera Damiano Conte Maurizio Daggiano Mariangela De Fabrizio Elisa Anna De Giorgi Elide del Piano Amalia Giordano Franco Mongiò Chiara Musio Milena Perulli Silvia Sammarco Renata Zuma Caterina Terzi Alexander Lommatzsch ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0 2020-09-05 2020-09-05 2 2 25 38 10.32069/pj.2020.2.54 L’intervento psicologico in carcere secondo l’approccio Gestaltico Integrato https://phenomenajournal.marpedizioni.it/index.php/phenomena/article/view/102 <p>This work was born with the aim of creating an integrated methodology of psychological intervention in the penitentiary context. In this sense, has been created a path-intervention-treatment that combines the gestalt principles of attention to the present, responsibility and awareness with a Rogersian approach of unconditional acceptance and absence of judgment to allow through the narration of oneself a re-signification of one's own path of life with a view to change. This approach has as a parallel purpose that of improving the psychological condition of the prisoner, who lives in a relational dimension perpetually characterized by the conflict between different "actors" and in a temporary dimension that fluctuates from past to future, with the impossibility to reflect on the here and now. The work aims to outline a path-intervention through an integrated approach that aims to individualize the treatment pathway in a specific way and to outline a methodology of intervention for the prison psychologist, which allows to effectively facilitate a possible critical review of the crime, through the stimulation of self-awareness and self-harm and a consequent improvement in the psychological well-being perceived by the inmate himself. For the evaluation of the effectiveness of the treatment, a self report instrument was built in order to identify the presence of anxious depressive symptoms in the prisoner, before and after the psychological intervention performed.</p> <p><strong>Keywords:</strong> context penitentuary, prisoner treatment, prison psychologist, gestalt integrated methodology</p> <p><strong>Abstract in italiano</strong></p> <p>Il presente lavoro nasce con l’obiettivo di creare una metodologia integrata di intervento psicologico in ambito penitenziario. In tal senso è stato creato un percorso-intervento che coniuga i principi della gestalt di attenzione al presente, responsabilità e consapevolezza con un approccio di stampo rogersiano di accettazione incondizionata e assenza di giudizio per permettere attraverso la narrazione di sé una risignificazione del proprio percorso di vita in un’ottica trattamentale di cambiamento. Tale approccio ha come scopo parallelo quello di migliorare la condizione psicologica del detenuto, il quale vive in una dimensione relazionale perennemente connotata dal conflitto tra diversi “attori” e in una dimensione temporale che oscilla tra passato e futuro, nell’impossibilità di riflettere sul “qui e ora”. Il lavoro mira a delineare una percorso-intervento attraverso un approccio integrato che miri a individualizzare il percorso trattamentale in maniera specifica e a delineare una metodologia di intervento per lo psicologo penitenziario, che permetta di favorire in maniera effettiva una possibile revisione critica del reato, attraverso la stimolazione della consapevolezza di sé e della risignificazione di sé e un conseguente miglioramento del benessere psicologico percepito dal detenuto stesso. Per la valutazione dell’efficacia del trattamento è stato costruito uno strumento di self report allo scopo di individuare la presenza di sintomi ansioso depressivi nel detenuto, prima e dopo l’intervento psicologico effettuato.</p> <p><strong>Parole chiave:</strong> ambito penitenziario, trattamento detenuti, psicologo penitenziario, metodologia gestalt integrata</p> <p>&nbsp;</p> Valentina Maltese Sebastiana Cipponeri Salvatore Renda ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0 2020-09-23 2020-09-23 2 2 49 62 10.32069/pj.2020.2.102 L'approccio integrato in psicoterapia: origini, configurazioni attuali, prospettive formative https://phenomenajournal.marpedizioni.it/index.php/phenomena/article/view/110 <p>Attraverso&nbsp; una ricapitolazione storica di come il concetto di integrazione in psicoterapia&nbsp; si è evoluto nel tempo, in relazione ai cambiamenti della società, si intende sottolineare&nbsp; come la configurazione attuale possa trovare un ulteriore sviluppo in funzione della complessità del presente. In particolare il focus è centrato sull’esperienza dello psicoterapeuta a partire dalla sua formazione specialistica, come elemento di integrazione del suo fare clinico indipendentemente dall’utilizzo delle tecniche e dal riferimento formativo dei fattori comuni di efficacia.</p> <p><strong>Parole chiave</strong>: integrazione in psicoterapia, fattori comuni, prospettive formative</p> <p align="justify"><span style="font-family: 'Times New Roman', serif;"><span style="font-size: medium;"><strong>Abstract </strong></span></span><span style="font-family: 'Times New Roman', serif;"><span style="font-size: medium;"><strong>in inglese</strong></span></span></p> <p align="justify"><span style="font-family: 'Times New Roman', serif;"><span style="font-size: medium;">Through a historical recapitulation of how the concept of integration in psychotherapy has evolved over time, in relation to changes in society, it is intended to underline how the current configuration can find a further development according to the complexity of the present time. In particular, the focus is centered on the experience of the psychotherapist starting from his specialist training, as an element of integration of its clinical practice regardless of the use of techniques and the training reference of common factors.</span></span></p> <p align="justify"><span style="font-family: 'Times New Roman', serif;"><span style="font-size: medium;"><strong>Keywords</strong></span></span><span style="font-family: 'Times New Roman', serif;"><span style="font-size: medium;">: integration in psychotherapy, common efficacy factors, educational perspectives</span></span></p> Marco Architravo ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0 2020-09-19 2020-09-19 2 2 39 48 10.32069/pj.2020.2.110