Nutrimi di Storie

Prendersi cura attraverso medium culturali

  • Milena Mazzara

Abstract

When we talk about personality we refer to the psychical characteristics on which the personal identity of an individual is built, characteristics which distinguishes a person from others and determines its behavior and personal relationships. The individual personality develops throughout the course of our lives, modeling when we are small and consolidating with the psychological and cognitive maturation of the adult, influenced and punctuated by the development of different aspects of our ego. The attachment theory elaborated by John Bowlby, claims that in small human beings there is an innate tendency to search for one adult figure, able to provide care and protection, in times of need and danger. This guarantees the newborn to satisfy his/her physiological needs which permit to survive, that otherwise immaturity and ontogenetic inability would not allow. Depending on the characteristics of the interaction between the child and the caregiver, they will be configured in the first, some attachment styles/patterns, that is, strategies of thought and behavior that the child develops to increase the probability of receiving care and protection from his attachment figure. With this work we hope to verify if the symbolic world of the story, as a translated experience of the processes related to attachment, allows the mother and the child to say in metaphor what is potentially threatening in the relationship of ongoing attachment. Active and interactive reflection of the adult and the child together, can facilitate knowledge, consciousness and therefore change. Through the symbolic world of the story, mother and child tell each other in a metaphor what is reasonable and acceptable to hear and express and what is instead, potentially threatening the state of their relation. Once clinical validity of the instrument is verified, we expect to build an integrated method for the secondary prevention of attachment style which would be in progress.

Abstract in italiano

Quando si parla di personalità si fa riferimento alle caratteristiche psichiche su cui si costruisce l’identità personale di un individuo, caratteristiche che lo distinguono dagli altri e ne determinano il comportamento e le relazioni personali. La personalità individuale si sviluppa lungo tutto il corso della nostra vita, modellandosi quando siamo piccoli e consolidandosi con la maturazione psicologica e cognitiva dell'adulto, influenzata e scandita dallo sviluppo di diversi aspetti del nostro io. La teoria dell’attaccamento elaborata da John Bowlby, sostiene che nei piccoli esseri umani è presente una tendenza innata di ricerca di una figura adulta in grado di fornire cura e protezione, nei momenti di bisogno e pericolo. Ciò garantisce al neonato quella sopravvivenza che l’immaturità e l’incapacità ontogenetica di soddisfare i propri bisogni fisiologici non permetterebbero. A seconda delle caratteristiche dell’interazione tra il bambino e il caregiver si configureranno degli stili /pattern di attaccamento, ossia delle strategie di pensiero e di comportamento che il bambino sviluppa per aumentare la probabilità di ricevere cura e protezione dalle sua figura di attaccamento. Con questo lavoro ci si auspica di verificare se il mondo simbolico del racconto, quale esperienza  traslata dei processi relativi all’attaccamento, permetta alla madre e al bambino, di dirsi in metafora che cosa risulta potenzialmente minaccia nella relazione di attaccamento in divenire attraverso un dispositivo di gruppo. La riflessione attiva ed interattiva dell’adulto e del bambino insieme, possono agevolare conoscenza, coscienza e quindi cambiamento. Attraverso il mondo simbolico del racconto, madre e bambino si dicono cosa è buono sentire ed esprimere e cosa, invece, risulta potenzialmente minacciante lo stato della relazione. Dalla verifica della validità clinica della metodologia ci si attende di costruire un metodo integrato per la prevenzione secondaria dello stile di attaccamento in divenire.

Riferimenti bibliografici

Holmes, J. (1994). La teoria dell’attaccamento. John Bolwby e la sua scuola. Raffaello Cortina.

Bowlby, J. (1989). Una base sicura. Raffaello Cortina.

Fonagy, P. (2005). Psicoanalisi e teoria dell'attaccamento. Raffaello Cortina.

Bowlby, J. (1969). Attaccamento e perdita-Volume primo: L’attaccamento alla madre.

Stevenson-Hinde, J. (1982). The place of attachment in human behavior. Tavistock Publications.

Ainsworth, M. D. S. (2006). Modelli di attaccamento e sviluppo della personalità: scritti scelti. Raffaello Cortina.

Baldoni, F. (2007). Modelli operativi interni e relazioni di attaccamento in preadolescenza. Crocetti, G., Agosta, R.,(a cura di): Preadolescenz. Il bambino caduto dalle fiabe. Teoria della clinica e prassi psicoterapeutica. Pendragon, Bologna, 57-77.

Bowlby, J. (1975). Attaccamento e perdita. La separazione dalla madre. Vol. II. Torino: Bollati.

Lorenzini, R., & Sassaroli, S. (1995). Attaccamento, conoscenza e disturbi di personalità. Raffaello Cortina.

Verardo, A. R. (2016). Attaccamento traumatico: il ritorno alla sicurezza: il contributo dell'EMDR nei traumi dell'attaccamento in età evolutiva. Giovanni Fioriti Editore.

Winnicott, D. W. (2004). Psicoanalisi dello sviluppo. Armando Editore.

Winnicott, D. W. (1971). Gioco e realtà. Armando editore.

Piaget, J., Petter, G., Garau, B., & Inhelder, B. (1981). La rappresentazione dello spazio nel bambino. Giunti Barbèra.

Stern, D. N., Biocca, L. M., & Biocca, A. (2012). Il mondo interpersonale del bambino. Bollati Boringhieri.

Stern, D., & Chiari, S. (1982). Le prime relazioni sociali: il bambino e la madre. Armando.

Siegal, D. J. (2001). La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale.

Tondi, F. (2018). Daniel Hill, Teoria della regolazione affettiva. Un modello clinico. Prefazione di Allan Schore. A cura di Renata Tambelli. Trad. Psicoterapia e Scienze Umane, 52(1), 148-149.

Marrone, A. (2001). Incontrare per incontrarsi: I fattori facilitanti la crescita e il cambiamento nei gruppi di incontro. Da persona a persona. Rivista di Studi Rogersiani, 1, 135-169

Goodman, F. P. R. H. P. (1997). Teorie e Pratica della Terapia della Gestalt. Astrolabio, Roma.

Lewin, K. (2005). La teoria, la ricerca, l’intervento. Il Mulino.

Vacheret, C. (2008). Foto, gruppo e cura psichica. Il Fotolinguaggio come metodo psicodinamico di mediazione nei gruppi. Liguori Editore.

Arzilli, D. (2014). La costruzione delle fiabe in psicoterapia dell'infanzia. Costruttivismi, 1, 196-207.

Pubblicato
2020-05-14
Come citare
Mazzara, M. (2020). Nutrimi di Storie. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 2(1), 54 - 61. https://doi.org/10.32069/pj.2020.1.67
Sezione
Ipotesi e metodi di studio