Teoria, pratica e tecnica

Auto-Supervisione nella psicoterapia della Gestalt

  • Paolo Quattrini
  • Alessandro Cini

Abstract

The stumbling blocks that a therapist experiences working with his clients are both technical and personal. This paper would like to be a "reminder" to help the therapists leaning on the theoretical postulates underpinning the phenomenological-existential gestalt therapy. In addition, we propose a self-evaluation method through which the therapist can monitor his experience (comprised by what the therapist is experiencing about him/herself, about the client and the therapeutic relationship) during each session. The aim is to practice a kind of self-supervision, to bring out the potential crux hindering the therapeutic process. We propose to look to the therapeutic treatment from the therapist's point of view. For this purpose, we suggest to the therapist to write his experience session by session, in order to create a sort of journal that will be used for analysis using the phenomenological-existential methodological framework. We expect that what emerges from the above-mentioned analysis could be faced referring to the pillars of phenomenological-existential Gestalt therapy, highlighting the infinite dialogue between practice  and theory and the continuous rebound between what happens inside and what exists outside the inner world of the therapist and his practice.

Keywords: Psychotherapy, Gestalt, Phenomenological existential method, supervision, self-evaluation

Abstract in italiano

Gli ostacoli che un terapeuta sperimenta lavorando con i suoi clienti sono sia tecnici che personali. Questo documento vorrebbe essere un "promemoria" per aiutare i terapeuti ad appoggiarsi sui postulati teorici alla base della terapia gestaltale esistenziale-fenomenologica. Inoltre, proponiamo un metodo di autovalutazione attraverso il quale il terapeuta può monitorare la sua esperienza (compresa da ciò che il terapeuta sta sperimentando su se stesso, sul cliente e sulla relazione terapeutica) durante ogni sessione. Lo scopo è di praticare una sorta di auto-supervisione, per mettere in evidenza il potenziale punto cruciale che ostacola il processo terapeutico. Proponiamo di guardare al trattamento terapeutico dal punto di vista del terapeuta. A tale scopo, suggeriamo al terapeuta di scrivere la sessione di esperienza per sessione, al fine di creare una sorta di diario che sarà utilizzato per l'analisi utilizzando il quadro metodologico esistenziale-fenomenologico (Giorgi, 1985). Ci aspettiamo che ciò che emerge dall'analisi sopra menzionata possa essere affrontato riferendosi ai pilastri della psicoterapia Gestalt esistenziale-fenomenologica, evidenziando l'infinito dialogo tra pratica e teoria e il continuo rimbalzo tra ciò che accade dentro e ciò che esiste al di fuori del mondo interiore del terapeuta e la sua pratica. Gli ostacoli che un terapeuta sperimenta lavorando con i suoi clienti sono sia tecnici che personali. Questo documento vorrebbe essere un "promemoria" per aiutare i terapeuti ad appoggiarsi sui postulati teorici alla base della terapia gestaltale esistenziale-fenomenologica. Inoltre, proponiamo un metodo di autovalutazione attraverso il quale il terapeuta può monitorare la sua esperienza (compresa da ciò che il terapeuta sta sperimentando su se stesso, sul cliente e sulla relazione terapeutica) durante ogni sessione. Lo scopo è di praticare una sorta di auto-supervisione, per mettere in evidenza il potenziale punto cruciale che ostacola il processo terapeutico. Proponiamo di guardare al trattamento terapeutico dal punto di vista del terapeuta. A tale scopo, suggeriamo al terapeuta di scrivere la sessione di esperienza per sessione, al fine di creare una sorta di diario che sarà utilizzato per l'analisi utilizzando il quadro metodologico esistenziale-fenomenologico (Giorgi, 1985). Ci aspettiamo che ciò che emerge dalla suddetta analisi possa essere affrontato riferendosi ai pilastri della psicoterapia gestaltica esistenziale-fenomenologica, evidenziando l'infinito dialogo tra pratica e teoria e il continuo rimbalzo tra ciò che accade dentro e ciò che esiste al di fuori del mondo interiore del terapeuta e la sua pratica.

Parole chiave: Psicoterapia, Gestalt, metodo fenomenologia esistenziale, supervisione, autovalutazione

Riferimenti bibliografici

Winnicott, D. W. (1974). Gioco e realtà, tr. it. Armando, Roma.

Brentano, F. (1874). La psicologia dal punto di vista empirico, vol. I,II,III. Ed. Laterza, Roma-Bari.

Stein, E. (1917). L’empatia. A cura di M. Nicoletti. Milano: Franco Angeli, 1986.

Wertheimer, M. (1923). Untersuchungen zur Lehre von der Gestalt. II. Psychological Research, 4(1), 301-350.

Husserl, E. (1931). Meditazioni cartesiane e discorsi parigini, trad. it. F. Costa, Bompiani, Milano.

Husserl, E. (1950). Idee per una fenomenologia pura e una filosofia fenomenologica. G. Einaudi.

Darwin, C. (1872). The expression of the emotions in man and animals. University of Chicago Press.

Kierkeegard, S. (1843). Aut aut, in Opere (trad. it.), Sansoni, Milano.

Buber, M. (1958). I and thou (RG Smith, Trans.). New York: Scribner, 11.

Heidegger, M. (1927). Essere e tempo. Longanesi, Milano, 1976.

Lewin, K. (1936). Principles of topological psychology. New York: McGraw-Hill.

Nietzsche, F. (1873). La nascita della tragedia. In Opere (trad. it.), Adelphi, Milano 3(1).

Polster, E., Polster, M. (1986). Terapia della Gestalt integrata: profili di teoria e pratica. M. S. Lobb (Ed.). Giuffrè.

Smuts, J.C. (1926). Holism and Evolution. New York: Viking Press.

Friedlaender, S. (1918) Schöpferische Indifferenz. G. Müller, München.

Perls, F., Hefferline, R. F. & Goodman, P. (1951). Gestalt therapy. New York.

Perls, F. S. (1980). La Terapia Gestaltica: Parola Per Parola. Astrolabio.

Maturana, H. R., Varela, F. J. (1985). Autopoiesi e cognizione: la realizzazione del vivente. Marsilio editori.

Sartre, J. P. (1948). Existentialism and Humanism. Philosophy: Key Texts, 115.

Gödel, K. (1931). Über formal unentscheidbare Sätze der Principia Mathematica und verwandter Systeme. Monatshefte für mathematik und physik, 38(1), 173-198.

Winnicott, D. W. (1965). Sviluppo affettivo e ambiente (trad. it.). Armando editore, Roma.

Cantor, G. (1992). La formazione della teoria degli insiemi. Saggi, a cura di G. Rigamonti, Sansoni, Firenze.

Colli, G. (1955). Aristotele. Organon. G. Einaudi.

Hegel, G. W. F. (1807). La fenomenologia dello spirito (trad. it.), a cura di G. Garelli, Einaudi, Torino.

Selvini Palazzoli, M., Boscolo, L., Cecchin, G., & Prata, G. (1975). Paradosso e controparadosso. Feltrinelli, Milano.

Watzlawick, P., Beavin, J. H. & Jackson, D. D. (1971). Pragmatica della comunicazione umana. Astrolabio, Roma.

Goldstein, K. (1934). The organism, Zone Books, New York.

Lorenz, K. (1978). L'etologia (trad. it.), Bollati Boringhieri, Torino.

Goleman, D. (1995). Emotional Intelligence. New York: Bantam Books.

Sperry, R. (1969). Organizzazione cerebrale e comportamento. In V.Somenzi (a cura di), La fisica della mente, Bollati Boringhieri, Torino, pp. 232-250.

Besançon, M., Zenasni, F., & Lubart, T. (2010). Le haut potentiel créatif. Enfance, 1, 77-84.

Jaynes, J. (1976). Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza (trad. it.), Adelphi, Milano.

LeDoux, J. (1996) The Emotional Brain. The Mysterious Underpinnings of Emotional Life. New York, Simon & Schuster.

Reich, W. (1933). On Character Analysis. The Psychoanalytic Review (1913-1957), 20, 89.

Quattrini, G. P. (2013). Per una psicoterapia fenomenologico-esistenziale. Giunti Editore.

Kohut, H. (1959). Introspection, empathy, and psychoanalysis an examination of the relationship between mode of observation and theory. Journal of the American Psychoanalytic Association, 7(3), 459-483.

Leibniz, G. W. (1703). Nuovi saggi sull’intelletto umano (1800), Laterza, Bari.

Lenzi, L. (2005). Neurofisiologia e teorie della mente, 3. Vita e Pensiero.

Wittgenstein, L. (1967). Lezioni e conversazioni sull’etica, l’estetica la psicologia e la credenza religiosa, Adelphi, Bologna.

Kant, I. (1790). Critica del Giudizio (trad. it.), Bompiani, Milano, 2004.

Giorgi, A. (1985). Sketch of a psychological phenomenological method. Phenomenology and psychological research, 1, 23-85.

Castro, A. D. (2003). Introduction to Giorgi’s existential phenomenological research method. Psicología desde el Caribe, 11.

Rovatti, P. A. (2007). Abitare la distanza. Per una pratica della filosofia. Raffaello Cortina.

Pubblicato
2020-05-22
Come citare
Quattrini, P., & Cini, A. (2020). Teoria, pratica e tecnica. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 2(1), 78 - 88. https://doi.org/10.32069/pj.2020.1.55
Sezione
Articolo di opinione