L’utilità dello Zulliger Test nella valutazione del funzionamento psichico

  • Concetta Vergati
  • Simona Annunziata
  • Gesualda Baldo
  • Teresa Longobardi
  • Olimpia Ricciardi
  • Simona Verniti
Parole chiave: Zulliger, proiettivi, Rorschach, psicodiagnosi, test, Z-test, ink-blot

Abstract

The Zulliger Test (or Z-Test) is a projective technique elaborated by Hans Zulliger (1893-1965), both in the individual form and in the collective form. It is a psychodiagnostic instrument that, as the most famous Rorschach Test, is based on the ink spots method (or “ink-blot”), and that invites the subject to interpret symmetrical and little structured spots. Initially, it was created in the slides version for the selection of soldiers of Swiss army and successively proposed as planks for the individual administration. The following article proposes to evidence the usefulness of individual form of Z-Test in the appraisal of psychical operation, both normal and pathological. A review of the literature is lead carrying out searches of articles and witnesses through search engines PubMed, ResearchGate, Google Scholar, APA following PsycNET® by the keywords: “Zulliger test”, “Hans Zulliger”, “projective test”. Found the usefullness of Z-Test in individual form for the appraisal of psychical operation, the necessity of a study is evidenced for the definition of the normative champion of the Italian adult normal population.

ABSTRACT IN ITALIANO

Lo Zulliger Test (o Z-Test) è una tecnica proiettiva elaborata da Hans Zulliger (1893-1965), nella forma sia individuale che collettiva. Si tratta di uno strumento psicodiagnostico che, come il più noto Test di Rorschach, si fonda sul metodo delle macchie d’inchiostro (o “ink-blot”), che invita il soggetto ad interpretare macchie simmetriche e poco strutturate. Fu inizialmente creato nella versione in diapositive per la selezione dei militari dell’esercito svizzero e successivamente proposto sotto forma di tavole per la somministrazione individuale. Il seguente articolo si propone la finalità di evidenziare l’utilità dello Z-Test individuale nella valutazione del funzionamento psichico, sia normale che patologico. È stata condotta una revisione della letteratura effettuando ricerche di articoli e testi attraverso i motori di ricerca PubMed, ResearchGate, Google Scholar, APA PsycNET® inserendo le seguenti parole-chiave: “Zulliger test”, “Hans Zulliger”, “test proiettivi”. Rilevata l’utilità dello Z-Test in forma individuale per la valutazione del funzionamento psichico, si evidenzia la necessità di uno studio per la definizione del campione normativo della popolazione italiana adulta normale.

Riferimenti bibliografici

Zulliger H. (1969). The Zulliger Individual and Group Test. In F. Salomon (Ed.). New York: International

Universities Press.

Parisi, S. & Pes, S. (2003). Origini dello Z-diapositive test. In Rortutor: Manuale di Psicodiagnostica

Rorschach [Online software]. Roma: Centro H. Rorschach srl.

Zulliger, H. (1948). Der Diapositiv-Z-Test: drei Diapositive. Bern: Hans Huber.

Zulliger, H. (1954). Der Zulliger- Tafeln- Test. Bern: Hans Huber.

Lis A. & Zennaro A. (1997). Nuovi contributi allo studio del test di Rorschach e dello Zulliger test.

Upsel: Domeneghini.

Castiello d’Antonio A. (2009). Il Rorschach e le tecniche proiettive. Giornale Italiano di Psicologia,

, 959-977.

Castiello d’Antonio A. (2009). La forma delle macchie. Mente & Cervello, 54, 42-49.

Castiello d’Antonio A. (2012). I test proiettivi nel mondo del lavoro. Psicologia Contemporanea,

, 76-80.

Carruba P. & Castiello d’Antonio A. (2008). Zulliger Test: La tecnica proiettiva di Hans Zulliger

nella diagnosi della personalità. Caratteristiche, dati normativi e applicazioni. Milano: Franco Angeli.

Rorschach, H. (1921). Psychodiagnostik: Methodik und ergebnisse eines warhrnehmungs-diagnostischen

Experiments (deutenlassen von zufallsformen) (Vol. 2). Bern: Ernst Bircher. (trad. it. Psicodiagnostica,

Kappa, Roma, 1981).

Bohm, E. (1969). Manuale di psicodiagnostica Rorschach (3rd ed.). Firenze: Giunti Barbera.

Ungaro U. & Borrelli F. (2006). Z-Test. Attualità ed importanza di un test proiettivo di facile uso.

Giovinazzo: Marianna.

Rizzo, C., Parisi S. & Pes P. (1980). Manuale per la raccolta, localizzazione e siglatura delle interpretazioni

Rorschach. Roma: Kappa.

Parisi, S. & Pes, S. (2003). Rortutor: Manuale di Psicodiagnostica Rorschach. [Online software].

Roma: Centro H. Rorschach srl.

Cicioni, R. (Ed.). (2016). Il test di Rorschach: Manuale di Raccolta, Siglatura e Diagnosi: Metodo

Italiano Scuola Romana Rorschach. Roma: Edizioni Kappa.

Anzieu, D. (1960). Les méthodes projectives. Paris: PUF.

Meschieri, L. (1950). Humer et interprétation des mouvements d’extension et de flexion sur le

test de Rorschach. Contributi CNR 9-13.

Bacci, V. (1949). Prime considerazioni sull’applicazione in Italia del reattivo di Zulliger. Rivista

di Psicologia normale e patologica, 45.

Bacci, V. ( 1955). Lo Z-test merita un più vasto impiego. In V. Lazzeroni (Ed.), Atti del X Convegno

degli Psicologi Italiani: Chianciano Terme – Siena: 10-12 ottobre 1954. Firenze: Edizioni Universitarie.

Boncori, L., Lucchetti, L., Borrelli, F., & Ungaro, U. (2002). Contribution to Italian Norms for

the Z-Test. Lavoro presentato al XVII Congresso Internazionale Rorschach ed altre Tecniche Proiettive,

Roma.

Carruba, P. & Barborini, M. (2002). Taratura nazionale dello Z-Test di H. Zulliger. Critiche emerse

dall’analisi della varianza. Lavoro presentato al XVII Congresso Internazionale Rorschach ed altre

tecniche proiettive, Roma.

Castiello d’Antonio A. (2006). La selezione psicologica delle risorse umane: Metodi di gruppo,

test e questionari. Milano: Franco Angeli.

Pubblicato
2019-06-15
Come citare
Vergati, C., Annunziata, S., Baldo, G., Longobardi, T., Ricciardi, O., & Verniti, S. (2019). L’utilità dello Zulliger Test nella valutazione del funzionamento psichico. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 1(1), 68 - 73. https://doi.org/10.32069/pj.2019.1.52

Articoli più letti dallo stesso autore