ANALISI FENOMENOLOGICA GESTALTICA DELL'ESPERIENZA ESSENZIALE DELLA RABBIA

  • Vitalba Casano
  • Giusy Castiglia
  • Elena Gigante
  • Valentina Maltese
  • Claudia Montalbano
  • Laura Zichichi
  • Arturo Claudio Sala

Abstract

ABSTRACT

According to an actual epistemology it is possible to do a scientific work starting from a direct perspective so that, even if the objective approach has been considered as synonymous of scientifically correct, the “subjective” approach will be necessarily based on the direct observation of the experience itself. The phenomenological approach considers emotion as a peculiar consciousness phenomenon different from pure thinking: it aims to establish emotion comprehension on objective basis. Emotion is not an idea or a thought, it is the very inception and it has pre-rational nature.The phenomenological approach becomes an essential condition for a scientific method of analysis. One of the main principles of the Gestalt Theory is that the Self “gets to-gether” when it becomes a whole form together with the world  thus the phenomenological approach becomes the true and natural technique to get a scientific knowledge of perception, or the way the Self enters in contact with the world. The Gestalt-therapy is based on: consciousness development, experimental approach, to work here and now, the phenomenological practice, to work with incarnation. This methodological approach of the Gestalt-therapy arises from the purpose to integrate all emotional experience perceived by the subject, connecting perception with thinking and therefore with feelings. The objective is to shape the phenomenological research on the gestalt principles and on an integrated methodology. The focus was especially brought on the subjective description of anger as emotional experience, distinguishing five prototypes: Explosive Anger, Underestimating Anger, Manipulative Anger, Daring Anger and Refusal Anger.

KEYWORDS

Phenomenological approach; gestalt attitude; emotion, anger, subjective experience.

 ABSTRACT IN ITALIANO

Secondo un’attuale epistemologia è possibile fare scienza a partire dalla prospettiva in prima persona quindi, sebbene tradizionalmente l'approccio oggettivo in terza persona è stato considerato sinonimo di scientificità, un approccio "soggettivo" partirà da un metodo di osservazione dell'esperienza in prima persona. Al centro di questo rinnovato discorso sulla conoscenza c’è la fenomenologia che rifiuta l’introspezione e si concentra sulla ricerca delle strutture stabili dell’esperienza cercando di organizzare la soggettività in dati trattabili scientificamente. In una prospettiva gestaltica, il metodo fenomenologico diventa condizione imprescindibile dell’approccio scientifico. Essendo la Teoria della Gestalt una scienza del contatto, dell’"essere con", e considerando come il sé emerge nel contatto con il mondo, il metodo fenomenologico ne diventa una naturale metodologia d’indagine poiché si pre-occupa di rendere scientifico il modo di percepire il mondo, ovvero di entrare in contatto con esso. L'atteggiamento fondante la Gestalt Therapy si presenta nei seguenti concetti cardine: lo sviluppo della consapevolezza, l'atteggiamento sperimentale, lavorare nel qui e ora, la pratica fenomenologica, lavorare con l'incarnazione. Alla base di tale prassi metodologica vi è l'obiettivo di integrare i vari aspetti dell'esperienza emozionale percepita dall'individuo, pertanto per la Gestalt Therapy è indispensabile connettere le sensazioni con il pensiero e sentimenti. L’obiettivo del contributo è stato quello di declinare la ricerca fenomenologica secondo una lettura di impronta gestaltica elaborando una metodologia integrata. In questo contributo si è cercata la descrizione in prima persona dell’esperienza emozionale della rabbia, individuando cinque prototipi principali: Rabbia Esplosiva, Rabbia Svalutante, Rabbia Manipolativa, Rabbia di sfida e Rabbia rifiutante.

PAROLE CHIAVE

Metodo fenomenologico, atteggiamento gestaltico,emozioni, rabbia, esperienza soggettiva.

Riferimenti bibliografici

Bozzi, P. (1989). Fenomenologia Sperimentale. Bologna: Il Mulino.

Merleau- Ponty, M. (2014). Fenomenologia della percezione. Milano: Giunti.

Gallagher S. Zahavi D. (2008) The phenomenological mind. Traduzione italiana Raffaello Cortina Editore. Milano 2009.

Varela, F.J. (1996). Neurophenomenology: A methodological remedy for the hard problem. Journal of Consciousness Studies, 3(4) 330-349.

Malo, A. (1994). Tre teorie sulle emozioni: cognitiva, fenomenologica e comportamentistica (seconda parte). Philosophica, 3, 97-111.

Damasio, A. R., & Macaluso, F. (1995). L’errore di Cartesio: emozione, ragione e cervello umano. Milano: Adelphi.

James, I. K. (2006). Body Process, Il lavoro con il corpo in Psicoterapia. Milano: Franco Angeli.

Reich, W.(1980). Character analysis. Londra: Macmillan.

Perls, F. (2003). L'io, la fame, l'aggressività. L'opera di uno psicoanalista eretico che vide in anticipo i limiti fondamentali dell'opera di Freud. Milano: Franco Angeli.

Berdondini, L., Elliott, R., &Shearer, J. (2012).Collaboration in Experiential Therapy. Journal of clinical psychology, 68(2), 159–167.

Zinker, J.C.(1971). Dreamwork as theatre, Voices, 7(2), 18-21.

Tesio, L. (2003). Measuring behaviours and perceptions: Rasch analysis as a tool for rehabilitation research. Journal of rehabilitation medicine, 35(3), 105-115.

Pubblicato
2019-10-16
Come citare
Casano, V., Castiglia, G., Gigante, E., Maltese, V., Montalbano, C., Zichichi, L., & Sala, A. (2019). ANALISI FENOMENOLOGICA GESTALTICA DELL’ESPERIENZA ESSENZIALE DELLA RABBIA. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 1(2), 8 - 17. https://doi.org/10.32069/pj.2019.2.45
Sezione
Ricerca originale