La disregolazione percettiva nell’autismo e potenzialità terapeutica dell’intelligenza artificiale

Il contributo delle neuroscienze in una visione multidimensionale nella comprensione delle risposte emotive nella sindrome autistica

  • Maria Provenzale Ricercatore indipendente

Abstract

La complessità del quadro clinico caratterizzante i disturbi del neurosviluppo apre un campo di studio vasto ed eterogeneo in cui lo sviluppo senso-percettivo dei soggetti autistici rappresenta una delle aree di maggiore interesse clinico. La disregolazione senso-percettiva della patologia autistica condiziona in modo particolare l’espressione dell’intersoggettività nei DSA. Buona parte dei deficit neurocognitivi e comportamentali associati al disturbo autistico può essere, infatti, spiegata da un’alterazione nella regolazione senso-percettiva degli stimoli ambientali che di norma permettono la relazione dell’individuo con il suo ambiente, quindi il contatto con la realtà e con tutto ciò che lo circonda. 

Gli sviluppi delle neuroscienze si configurano nell’intervento dell’autismo con una visione multidimensionale che valuta le numerose variabili che entrano in gioco in una risposta comportamentale. E’ opportuno, che i modelli di intervento lavorino su più livelli.

La complessità della patologia autistica chiede, pertanto, alla comunità scientifica una forte attenzione al trattamento e alla messa a punto di nuove terapie, modelli di intervento e strumenti clinici. A tale proposito, nel corso del presente lavoro sarà rappresentato quanto lo sviluppo nel campo dell’intelligenza artificiale possa essere risorsa preziosa per il trattamento dell’autismo.

 Parole chiave: autismo, percezione, regolazione.

Riferimenti bibliografici

Koester, J., Siegelbaum, S., A., (2014) I segnali propagati: il potenziale d’azione. Kandel, E. R., Schwartz, J. H. A., Jessel, T. (A cura di), Principi di Neuroscienze (Quarta Edizione) (pp. 148-177). Casa Editrice Ambrosiana.

Thibodeau, G. A., & Patton, K. T. (2011). Structure & function of the body. Elsevier Health Sciences.

Canestrari, R., Godino, A., (1997). Trattato di psicologia. Edizione Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna (Clueb).

Pilone, M. (2000). Percezioni sensoriali nell’autismo e modelli cognitive. Centro Paolo VI.

Gardner, E., P., Martin, J., H., (2014). La codifica sensoriale. Kandel, E. R., Schwartz, J. H. A., Jessel, T. (A cura di), Principi di Neuroscienze (Quarta Edizione) (pp. 449-475). Casa Editrice Ambrosiana.

Pilone, M., (2010). I disturbi dello spettro autistico, in Teorie e modelli di trattamento. Centro Paolo VI.

LeDoux, J. E., Damasio, A. R. (2014). Emozioni e sentimenti. Kandel, E. R., Schwartz, J. H. A., Jessel, T. (A cura di), Principi di Neuroscienze (Quarta Edizione) (pp. 1083-1099). Casa Editrice Ambrosiana.

Valeri, G., Stievano, P. (2007). Neuropsicologia dello sviluppo e funzioni esecutive. Giorn Neuropsch Età Evol, 27, 195-204.

Franciosi, F. (2017). La regolazione emotiva nei disturbi dello spettro autistico. Verso un modello operativo in ambito clinico e psicoeducativo. Pisa: ETS.

Bogdashina, O. (2015). Le percezioni sensoriali nell'autismo e nella sindrome di Asperger. Uovonero.

Narzisi, A., Calderoni, S., D’angelo, R., Apicelli, M., Igliozzi, R., Cosenza, A., Tancredi R., Muratori, F., (2011). Profili sensoriali e autismo: un’indagine esplorativa con il Sensory Profile Questionnaire and Autism. Giorn Neuropsch Età Evol, 31, 215-224.

Samson, A. C., Hardan, A. Y., Podell, R. W., Phillips, J. M., & Gross, J. J. (2015). Emotion regulation in children and adolescents with autism spectrum disorder. Autism Research, 8(1), 9-18.

Torrado, J. C., Gomez, J., & Montoro, G. (2017). Emotional self-regulation of individuals with autism spectrum disorders: Smartwatches for monitoring and interaction. Sensors, 17(6), 1359.

Pubblicato
2021-09-03
Come citare
Provenzale, M. (2021). La disregolazione percettiva nell’autismo e potenzialità terapeutica dell’intelligenza artificiale. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 3(2), 41 - 52. https://doi.org/10.32069/PJ.2021.2.134
Sezione
Articolo di opinione