L’ approccio sistemico relazionale e la presa in carico della famiglia del soggetto autistico

  • Rosa Annunziata Villa delle Ginestre, Centro di riabilitazione, Volla, Napoli, Italia.

Abstract

Gli studi sull’autismo hanno dimostrato che l’approccio più funzionale alla riabilitazione dei comportamenti disfunzionali sia costituito dal metodo ABA. L’evidenza clinica mostra come un approccio che non si limiti alla modifica degli atteggiamenti del soggetto autistico, ma che estenda il campo della presa in carico anche alla sua famiglia dia risultati migliori per il benessere fisico, sociale e psichico dell’intero sistema considerato. L’ approccio sistemico relazionale si muove in questa direzione, spostando l’attenzione dal soggetto affetto da autismo all’intero nucleo familiare in cui si muove la persona affetta da autismo. L’assunto di base è che tutti i membri del sistema considerato siano interconnessi, per cui, il cambiamento di una parte di esso produce cambiamento in tutto il sistema. In questa ottica, una diagnosi di autismo, dal momento in cui viene effettuata, provoca una crisi che genera disorientamento, confusione, paura, dolore. L’approccio sistemico, prendendo in carico la famiglia, anche in assenza del soggetto patologico, lavora sull’accoglienza di questi stati emotivi, proponendo modelli psicoeducativi funzionali, lavorando sull’accettazione del bambino reale e il seguente abbandono del bambino immaginario. Il disorientamento conseguente alla diagnosi, si caratterizza anche nella paura di non essere adeguati come genitori, di non essere in grado di rispondere alle esigenze nuove che tale condizione comporta. Questo stato di cose si potrebbe tradurre in conflitti di coppia; eccessivo spostamento dell’attenzione familiare verso il soggetto autistico a discapito degli altri membri della famiglia. Inoltre, l’osservazione delle famiglie con soggetti autistici ha evidenziato che questi sistemi tendano a mettere in atto strategie comportamentali perlopiù ripetitivi e rigidi. La terapia sistemica cerca di ripristinare gli equilibri precedenti la diagnosi, favorendo l’insorgere di un clima familiare più sereno, meno rigido dove sia possibile instillare una modalità educativa creativa necessaria per lo sviluppo del pensiero simbolico assente nei soggetti affetti da autismo.  

Parole chiave: Disturbo dello Spettro Autistico, Terapia Sistemico Familiare, Analisi Applicata del Comportamento, ABA.

 

Riferimenti bibliografici

Bogliolo, C. (2001). Psicoterapia relazionale della famiglia: teorie, tecniche, emozioni nel modello consenziente. Franco Angeli, Milano.

Andolfi, M. (1988). La famiglia trigenerazionale: dalle lezioni del prof. Andolfi sull'osservazione relazionale. Bulzoni.

Watzlawick, P., Beavin, J. H., & Jackson, D. D. (1971). Pragmatica della comunicazione umana. Astrolabio, Roma.

Bertalanffy, L. V. (1971). Teoria generale dei sistemi. Fondamenti, sviluppo, applicazioni. Istituto librario internazionale. Milano.

Minuchin, S. (1976). Famiglie e terapia della famiglia. Astrolabio, Roma.

Sorrentino, A. M., Cirillo, S., & Selvini, M. (2011). Il genogramma: percorso di autoconoscenza, integrato nella formazione di base dello psicoterapeuta. Terapia familiare: Rivista interdisciplinare di ricerca ed intervento relazionale, 97(3), Franco Angeli, Milano.

McGoldrick, M., Gerson, R. (1985). Genograms in family assessment. Norton, New York.

Andolfi, M., Angelo, C. (1990). Tempo e mito nella psicoterapia familiare. Boringhieri.

Caillé, P., Rey, Y. (2005). Gli oggetti fluttuanti. Metodi di interviste sistematiche. Armando Editore.

Rey, Y. (2005). Pensare un'emozione in terapia sistemica: il blasone familiare. Psicobiettivo: Rivista quadrimestrale di psicoterapie a confronto, 3. Franco Angeli, Milano.

Sluzki, C. E. (2012). La trasformazione terapeutica delle trame narrative. Terapia familiare: Rivista interdisciplinare di ricerca ed intervento relazionale, 100(3), Franco Angeli, Milano.

Onnis, L. (2002). Il linguaggio delle emozioni: Virginia Satir la sua concezione della terapia. Terapia familiare: Rivista interdisciplinare di ricerca ed intervento relazionale, 3. Franco Angeli, Milano.

Andolfi, M. (2000). Il colloquio relazionale. Accademia di psicoterapia della famiglia.

Selvini, M. (2003). Tecniche di presa in carico psicoterapeutica di un paziente non richiedente. Terapia familiare: Rivista interdisciplinare di ricerca ed intervento relazionale, 11. Franco Angeli, Milano.

Hoffman, L. (1984). I principi della terapia della famiglia. Astrolabio, Roma.

Scabini, E. (1985). L’organizzazione familiare tra crisi e sviluppo. Franco Angeli, Milano.

Manfredini, E., Vianello, L.O. (2001). Il ruolo dei fratelli nell’insorgenza del sintomo. Terapia familiare, 48. Franco Angeli, Milano.

Selvini Palazzoli, M., Cirillo, S., Selvini, M., Sorrentino, A. M. (1988). I giochi psicotici nella famiglia. Raffaello Cortina, Milano.

Giannotti, A., & De Astis, G. (1981). Nascita e autismo: considerazioni sulla relazione psicotica precoce madre-bambino. Età Evolutiva, 10(58).

Bruschweilwer-Stern, N., & Stern, D. (1998). Nascita di una madre. Editori Mondatori, Milano.

Pubblicato
2021-11-08
Come citare
Annunziata, R. (2021). L’ approccio sistemico relazionale e la presa in carico della famiglia del soggetto autistico. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 3(2), 93 - 100. https://doi.org/10.32069/PJ.2021.2.130
Sezione
Articolo di opinione