Eziopatogenesi, processamento sensoriale e predittività dei segni sui Disordini dello Spettro Autistico nel primo anno di vita

  • Mariannina Amato A.S.P.I.C.

Abstract

Il termine autismo è inserito nel manuale del DSM V nella categoria dei Disturbi dello Spettro Autistico, categoria costituita da un insieme eterogeneo di disturbi del neurosviluppo caratterizzati da alterazioni nelle interazioni sociali, nelle comunicazioni e nei comportamenti ripetitivi e stereotipati. Il termine spettro è inteso come continum evolutivo di sviluppo che si manifesta con una varietà di sintomi, dalla abilità alla gravità di funzionamento configurando diversi profili. In Italia, il “Progetto Osservatorio per il monitoraggio degli studi dello spettro autistico” coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute, stima 1 bambino su 77 (età 7- 9 anni) con prevalenza nei maschi maggiore di 4,4 rispetto alle femmine. Negli ultimi anni gli studi epidemiologici internazionali riportano un aumento generalizzato di tale disturbo dovuto all’uso di criteri diagnostici sempre più specifici. La prevalente formazione dei medici, neuropsichiatri e pediatri, e psicologi nel campo della prevenzione infantile individua l’esordio di tale disturbo in età precocissima, i primi 12 mesi di vita, e sottolineano l’importanza della relazione madre bambino come campo osservazionale dei segni predittivi del funzionamento autistico. Una maggiore consapevolezza della popolazione in generale sui disordini che l’autismo comporta è da attribuire ai mass media che hanno ampliato il focus dell’attenzione. 

Parole chiave

Spettro autistico, primi anni di vita, Eziopatogenesi, processamento sensoriale

 

Riferimenti bibliografici

Gigante, E., et al. (2018). The effects of the endocrine disruptors and of the halogens on the female reproductive system and on epigenetics: A brief review. Acta Medica Mediterranea, 34, 1295.

Kahn, R. S. (2020). On the origins of schizophrenia. American Journal of Psychiatry, 177(4), 291-297.

Courchesne, E., et al. (2011). Neuron number and size in prefrontal cortex of children with autism. Jama, 306(18), 2001-2010.

Di Renzo, M., (2020). Autismo Progetto Tartaruga. L’approccio evolutivo-relazionale a mediazione corporea. Edizioni Scientifiche Magi, Roma.

Smith, M. C. (2019). Sensory integration: Theory and practice. FA Davis.

Giusti, E., & Azzi, L. (2013). Neuroscienze per la psicoterapia. La clinica dell'integrazione trasformativa (Vol. 23). Sovera Edizioni.

Trevarthen, C., & Castelli, S. (1998). Empatia e biologia: psicologia, cultura e neuroscienze. Raffaello Cortina.

Bellagamba, F., & Cassibba, R. (2010). Sicurezza dell'attaccamento e lessico mentale nelle narrazioni scritte da bambini di età scolare. Psicologia clinica dello sviluppo, 14(3), 577-596.

Venuti, P., Esposito, G. (2009). Percorsi terapeutici e lavoro in rete con i disturbi dello spettro autistico. Editrice Percorsi, Savigliano.

Stern, D. N., Speranza, M., & Stern, D. N. (1998). Le interazioni madre-bambino: nello sviluppo e nella clinica. Raffaello Cortina.

Fonagy, P., & Target, M. (2005). Regolazione affettiva, mentalizzazione e sviluppo del sé. Raffaello Cortina.

Gallese, V., Eagle, M. N., & Migone, P. (2006). La simulazione incarnata: i neuroni specchio, le basi neurofisiologiche dell'intersoggettività e alcune implicazioni per la psicoanalisi. La simulazione incarnata, 1000-1038.

Meltzer, D. (1975). Adhesive identification. Contemporary Psychoanalysis, 11(3), 289-310.

Pubblicato
2021-09-02
Come citare
Amato, M. (2021). Eziopatogenesi, processamento sensoriale e predittività dei segni sui Disordini dello Spettro Autistico nel primo anno di vita. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 3(2), 34 - 40. https://doi.org/10.32069/pj.2021.2.125
Sezione
Mini Review