I disturbi del neurosviluppo: verso un modello clinico integrato

Il trattamento dell’autismo ad alto funzionamento: l’analisi funzionale in un’ottica integrativa

  • Flavia Morfini

Abstract

The purpose of the research work of the writer is the gradual development of an integrated clinical model for the treatment of high-functioning autism. The analysis for the constitution of this model has started from the identification of a specific logic with which to integrate three models: cognitive behavioral, Gestalt and model deriving from the applied analysis of behavior (ABA).  This logic has materialized in the identification, through an analysis process based on the examination of the scientific literature and on their clinical experience, of what they been defined as the active ingredients of each of these disciplines, that is, the variables most involved in the efficacy of treatment for level 1 autism. The present work therefore constitutes the next step in this reasoning. The focus is on the active ingredients of the Aba. We intend to carry out a rigorous analysis of the function of behavior in an integrated perspective for the treatment of high-functioning autism. Understanding the function of behavior naturally has an evident clinical significance as it is the basis of the therapeutic project in all clinical models, even though it is addressed with different languages and tools. In gestalt therapy the focus is on contact needs and how those needs are blocked; in behavioral cognitive orientation the emphasis is on mental patterns as behavior triggers, while in the applied analysis of behavior the single aspects of a behavioral process are examined, defining the latter functional analysis. Therefore, an analytical and systematic vision of the function of behavior is present in Aba. It represents a valuable contribution to an evidence-based model which is for this reason one of the central aspects of the model I am working on.

Keywords: autism, function, behavior

Abstract in italiano

La finalità del lavoro di ricerca della scrivente è la graduale costituzione di un modello clinico integrato per il trattamento dei disturbi del neurosviluppo il quale è stato inizialmente focalizzato sull’intervento per l’autismo ad alto funzionamento. L’analisi per la costituzione di questo modello è partita dall’individuazione di una specifica logica con la quale integrare tre modelli: cognitivo comportamentale, gestaltico e modello derivante dall’analisi applicata del comportamento (Aba). Tale logica si è concretizzata nell’identificazione, attraverso un processo di analisi basato sull’esame della letteratura scientifica e sulla propria esperienza clinica, di ciò che sono stati definiti i principi attivi di ognuna di queste discipline, ossia, le variabili maggiormente responsabili dell’efficacia del trattamento per il disturbo autistico di livello 1.  Il presente lavoro costituisce, dunque, lo step successivo di questo ragionamento. L’accento è posto sui “ principi attivi” dell’analisi applicata del comportamento. Si intende effettuare una rigorosa analisi della funzione del comportamento in un’ottica integrata per il trattamento, in particolare, dell’autismo ad alto funzionamento. La comprensione della funzione di un comportamento riveste, naturalmente, una significatività clinica evidente poiché è alla base del progetto terapeutico in tutti i modelli clinici, sebbene affrontata con linguaggi e strumenti diversi. Nella psicoterapia della gestalt il focus è sui bisogni di contatto e su come tali bisogni sono bloccati; nell’orientamento cognitivo comportamentale l’accento è sugli schemi mentali quali fattori scatenanti il comportamento, mentre nell’analisi applicata del comportamento (Aba) si esaminano i singoli aspetti di un processo comportamentale definendo quest’ultimo analisi funzionale (A.F.). E’ presente, pertanto, in Aba una visiona analitica e sistematica della funzione del comportamento. Essa rappresenta contributo prezioso ad un modello basato sull’evidenza che costituisce, per tale ragione, uno degli aspetti centrali che sono alla base del modello al quale sto lavorando.

Parole chiave: autismo, funzione, comportamento

Riferimenti bibliografici

Skinner, B. F. (1953). Some contributions of an experimental analysis of behavior to psychology as a whole. Washington: American Psychologist. 8 (2), 69.

Corradori, G. & Sangiorgi, A. (2017). L’analisi funzionale del Comportamento. Principi metodi e tecniche. Trento: Edizioni Centro Studi Erickson S.p.a.

Associazione Psichiatrica Americana. (2014). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (5a ed.). Virginia: Raffaello Cortina.

Martin, G. & Pear, J. (2000). Strategie e tecniche per il cambiamento. New York: McGrall Hill Education.

Attwood, T. (2019). Guida completa alla Sindrome di Asperger. Milano: Edra.

Skinner, B.F., & Correll W. (1992). Pensare ed apprendere. Roma: Armando Editore.

Anderson, C. M., & Long, E. S. (2002). Use of a structured descriptive assessment methodology to identify variables affecting problem behavior. Journal of Applied Behavior Analysis, 35(2), 137-154.

Cooper, J.O., Heron, T. E. & Haward, W.L. (2007). Applied behaviour analysis. Upper Saddle River: Pearson Merril Prentice Hall.

Faggioli, R., & Lorenzo, J.S. (2014). Dentro l’autismo. Milano: FrancoAngeli.

Skinner, B.F. (1957). Verbal Behavior. New York: Appleton-Century-Crofts.

Pubblicato
2021-07-12
Come citare
Morfini, F. (2021). I disturbi del neurosviluppo: verso un modello clinico integrato. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 3(2), 1 - 9. https://doi.org/10.32069/pj.2021.2.121
Sezione
Ipotesi e metodi di studio