L'approccio integrato in psicoterapia: origini, configurazioni attuali, prospettive formative

  • Marco Architravo

Abstract

Attraverso  una ricapitolazione storica di come il concetto di integrazione in psicoterapia  si è evoluto nel tempo, in relazione ai cambiamenti della società, si intende sottolineare  come la configurazione attuale possa trovare un ulteriore sviluppo in funzione della complessità del presente. In particolare il focus è centrato sull’esperienza dello psicoterapeuta a partire dalla sua formazione specialistica, come elemento di integrazione del suo fare clinico indipendentemente dall’utilizzo delle tecniche e dal riferimento formativo dei fattori comuni di efficacia.

Parole chiave: integrazione in psicoterapia, fattori comuni, prospettive formative

Abstract in inglese

Through a historical recapitulation of how the concept of integration in psychotherapy has evolved over time, in relation to changes in society, it is intended to underline how the current configuration can find a further development according to the complexity of the present time. In particular, the focus is centered on the experience of the psychotherapist starting from his specialist training, as an element of integration of its clinical practice regardless of the use of techniques and the training reference of common factors.

Keywords: integration in psychotherapy, common efficacy factors, educational perspectives

Riferimenti bibliografici

Migone, P. (2008). Riflessioni sul problema della pluralità dei metodi di ricerca in psicoterapia. Carere-Comes T., a cura di, Quale scienza per la psicoterapia, 19-31.

American Psychological Association (2013). Recognition of psychotherapyeffectiveness. Psychotherapy, 50(1), 102-109.

Giusti, E., Montanari, C., & Montanarella, G. (1995). Manuale di psicoterapia integrata. Franco Angeli, Milano.

Migone, P. (2001). La dicotomia tra clinica e ricerca in psicoterapia: due scienze separate. Il Ruolo Terapeutico, 88,57-64.

Safran, J. D., Muran, J. C., & Eubanks-Carter, C. (2011). Repairing alliance ruptures. In J. C. Norcross (Ed.), Psychotherapy relationships that work (2nd ed.). New York, NY: Oxford University Press.

Köhler, W. (1917). Intelligenzprüfungen an anthropoiden. 1.- (No. 1). Königl. akademie der wissenschaften.

Perls, F., Hefferline, R. F., & Goodman, P. (1971). Teoria e pratica della terapia della Gestalt. Astrolabio, Roma.

Wolf, E. (1966). Learning theory and psychoanalysis. British Journal of Medical Psychology, 39(1), 1-10.

Lazarus, A. A. (1967). In support of technical eclecticism. Psychological Reports, 21(2), 415-416.

Rogers, C. R. (1959). A theory of therapy, personality, and interpersonal relationships: As developed in the client-centered framework (Vol. 3, pp. 184-256). New York: McGraw-Hill.

Collerone, L., & Citt, G. (2013). Il cervello nell'era digitale e la" Branching literacy". Italian Journal of Educational Technology, 21(1), 19-24

Polster, E., & Polster, M. (1986). Terapia della Gestalt integrata: Profili di teoria e pratica. Giuffrè.

Stone, M. H. (2007). Pazienti trattabili e non trattabili: i disturbi di personalità. Cortina.

Pubblicato
2020-09-19
Come citare
Architravo, M. (2020). L’approccio integrato in psicoterapia: origini, configurazioni attuali, prospettive formative. Phenomena Journal - Giornale Internazionale Di Psicopatologia, Neuroscienze E Psicoterapia, 2(2), 39 - 48. https://doi.org/10.32069/pj.2020.2.110
Sezione
Articolo di opinione